Se paghi la multa non puoi opporla.

Il pagamento dell’oblazione pregiudica il ricorso per illegittimità del verbale di accertamento.

 

E’ quanto affermato dalla Corte di Cassazione, Sezione II, con sentenza 26 maggio 2010, n. 12899.

Secondo i giudici di legittimità: “L’automobilista che paga la sanzione non può più opporsi al verbale, neanche quando se ne accerti successivamente l’illegittimità dello stesso, in quanto il pagamento dell’oblazione equivale ad ammissione di colpa del trasgressore che preclude qualsiasi rimborso, anche derivato da attività illegittima dell’amministrazione.”.

Il caso: l’automobilista paga la multa per esser passato col rosso. Saputa dell’irregolarità dell’apparecchiatura utilizzata per l’accertamento dell’infrazione, si oppone con risorso al fine di annullare il verbale illegittimo.

Il Comune ricorre per Cassazione, sostenendo che l’avvenuto pagamento dell’oblazione comporta l’inoppugnabilità del relativo verbale.

La Corte ha condiviso le motivazioni del Comune, accogliendo il ricorso e precisando che il pagamento in misura ridotta, previsto dall’art. 202 del Codice della Strada “implica necessariamente l’accettazione della sanzione e, quindi, il riconoscimento, da parte dello stesso, della propria responsabilità e, conseguentemente, nel sistema delineato dal legislatore anche ai fini di deflazione dei processi, la rinuncia ad esercitare il proprio diritto alla tutela amministrativa o giurisdizionale, quest’ultima esperibile immediatamente anche avverso il suddetto verbale ai sensi dell’art. 204 bis C.d.S., qualora non sia stato, effettuato il suddetto pagamento. L’intervenuta acquiescenza da parte del contravventore conseguente a tale sopravvenuto rituale pagamento preclude, inoltre, allo stesso l’esercizio di eventuali pretese civilistiche, quali la condictio indebiti e l’actio damni riconducibili all’avvenuta contestazione delle violazioni al C.d.S. per le quali si sia proceduto a siffatto pagamento con effetto estintivo della correlata pretesa sanzionatoria amministrativa“.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.