Vizi dell’immobile: chi paga?

Una recente sentenza della Corte di appello di Genova sez. II, sent. 01/08 ha enunciato il principio in base al quale non può essere attribuita nessuna responsabilità, neppure a titolo di concorso, per i danni subiti dal conduttore derivanti da un difetto dell’immobile – vizio strutturale – palesemente occulto.

Qualora al momento della consegna al conduttore medesimo, il locatore ignorava senza colpa l’esistenza del difetto (nella specie il cattivo funzionamento di un pluviale incassato nella muratura che aveva determinato notevoli infiltrazioni e allagamenti all’immobile locato), l’obbligo  del risarcimento dei danni grava sul soggetto che ha costruito e venduto l’immobile (poi locato dall’acquirente).

Tale terzo soggetto, è tenuto, dunque, a risarcire tutti i danni occorsi all’immobile, la misura dei quali deve peraltro essere valutata anche in base alla tempestività con cui tali danni sono stati denunciati.

Infatti, il conduttore – detentore quindi del bene- può eseguire direttamente, ai sensi dell’articolo 577 cod. civ. , le riparazioni urgenti e chiedere di queste il rimborso al locatore senza aspettare, cioè, che il bene si deteriori in maniera sempre più grave.

41 Commenti

  1. Avv. Mary Corsi
  2. Domenico
  3. Avv. Mary Corsi
  4. Donato
  5. LAURA
  6. DANIELE
  7. Francesco
  8. Giorgio Carchedi
  9. Avv. Mary Corsi
  10. Avv. Mary Corsi
  11. Avv. Mary Corsi
  12. Avv. Mary Corsi
  13. Marco Campofranco
  14. giuseppe
  15. Luigi
  16. federica
  17. Avv. Mary Corsi
  18. Avv. Mary Corsi
  19. filomena
  20. NADIA TREVISAN
  21. Avv. Mary Corsi
  22. Fortunato
  23. Maria
  24. DAVIDE
  25. DAVIDE
  26. maria
  27. maria
  28. EDDA
  29. ALESSANDRO
  30. Alessandra
  31. antonio
  32. Nicolo' Broccio
  33. Tamara
  34. Luca
  35. nicola
  36. Davide
  37. aurelio pampena
  38. aurelio pampena
  39. ivan
  40. Mary Corsi

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.