Accertamento integrativo: solo in caso di “fatti nuovi”.

L’accertamento integrativo è possibile solo se emergono nuovi elementi.

L’accertamento integrativo è valido se sorgono “nuovi elementi” successivamente all’emissione del primo avviso di accertamento e comunque tale circostanza deve essere puntualmente verificata dai giudici della Commissione Tributaria.

Ciò è quanto emerso da una recente sentenza della Suprema Corte (sent. Cass. 64590 del 15.03.2010), la quale evidenzia come sia necessario nel secondo avviso di accertamento – quello integrativo appunto – non solo l’indicazione di nuovi elementi ma anche degli atti e i fatti attraverso i quali l’Ufficio ne sia venuto a conoscenza.

La predetta sentenza trae spunto dall’ultimo comma dell’art. 57 del DPR n. 633/72, il quale prevede che “fino alla scadenza del termine stabilito … le rettifiche e gli accertamenti possono essere integrati o modificati mediante la notificazione di nuovi avvisi in base alla sopravvenuta conoscenza di nuovi elementi. Nell’avviso devono essere specificatamente indicati, a pena di nullità, i nuovi elementi e gli atti o fatti attraverso i quali sono venuti a conoscenza dell’Ufficio”.

La Corte, dunque, ha sostanzialmente rilevato che se è pur vero che da una parte il predetto art. 57 riconosce all’Agenzia delle Entrate il potere di emettere un nuovo avviso di accertamento, questo è legittimo solo nel caso in cui i nuovi elementi siano sorti successivamente all’emissione del primo accertamento fiscale. 

Alla luce di quanto illustrato, quindi, è chiaro che sarà onere del cittadino/contribuente che dovesse ricevere un accertamento di questa tipologia, verificare attentamente la legittimità dello stesso – in ordine ai profili sopra evidenziati – al fine di valutare l’opportunità o meno di un’azione legale.  

 

Come sempre, chiunque si trovi di fronte a tali problematiche o abbia necessità di ulteriori chiarimenti potrà contattare l’autore dell’articolo.

Avv. Matteo Sances

info@studiolegalesances.it

www.studiolegalesances.it

Lascia un commento