Ricorso multe: nuovo decreto in vigore

Ancora cattive notizie per gli automobilisti. Da oggi, 6 Ottobre, entra in vigore un decreto che dimezza i tempi a disposizione dei cittadini per presentare ricorso dinanzi al Giudice di Pace contro le multe ritenute illegittime. I giorni stabiliti saranno trenta, non più sessanta. Le associazioni dei consumatori sono insorte di fronte a quest’ennesimo provvedimento che tartassa i poveri automobilisti, che da oggi in poi avranno maggiori problemi per l’impugnazione delle violazioni del Codice della Strada dinanzi al Giudice di Pace.

Occorre infatti del tempo, soprattutto per chi non è esperto, per valutare se ci sono gli estremi del ricorso, i presupposti validi per l’impugnazione, per ricevere dalla Polizia municipale tutta la documentazione necessaria da allegare al ricorso, ecc. Per tali motivi la maggior parte degli automobilisti si troverà in difficoltà nel presentare il ricorso in un tempo così breve: appunto, trenta giorni.

Il Decreto Legislativo 1 Settembre 2011 n. 150 entra in vigore nella giornata di oggi, 6 Ottobre. All’art. 7 del provvedimento si legge che i tempi per presentare ricorso verso le multe si riducono a trenta giorni. Tale provvedimento va ad aggiungersi agli altri sette varati nel corso di quest’anno a scapito degli automobilisti, forse la categoria più tartassata da parte di questo Governo.

Eccoli: aumento dell’Iva sulla benzina; aumento dell’accise; introduzione del contributo unificato per i ricorsi verso le multe; aumento del contributo unificato a partire dal 6 Luglio 2011; aumento delle tasse sulle polizze rc auto; aumenti delle multe; aumento dell’IPT (Imposta provinciale di trascrizione). Le associazioni dei consumatori denunciano questo stato di cose, poiché tale decreto va a penalizzare ulteriormente la categoria degli automobilisti.

Che questo sia un deterrente per evitare l’alto numero dei ricorsi per le multe è chiaro, ma non bisogna poi impedire che i cittadini abbiano la possiiblità di ricorrere davanti al Giudice nei tempi e nelle modalità consone!

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.