Matrimonio possibile anche per gli immigrati irregolari

La Corte Costituzionale ha detto sì alle nozze contratte da uno straniero con un cittadino italiano, anche se non si trova in possesso di regolare documento di soggiorno. Di conseguenza, i giudici della Consulta hanno dichiarato parzialmente illegittimo l’art. 116 del codice civile, primo comma, che sancisce tale limitazione.

La circostanza di essere un immigrato/a irregolare non po’ pregiudicare la celebrazione del matrimonio con un cittadino/a italiano: per questo, oltre all’illegittimità parziale di tale norma, viene bocciata anche una norma del “Pacchetto Sicurezza” che impone, allo straniero che intende convolare a nozze con un cittadino italiano, il possesso di un permesso di soggiorno regolare.

Viene quindi ad essere modificato l’art. 1, comma 15, della legge 15 luglio 2009, n. 94, che era sostanzialmente volta a limitare l’uso dei “matrimoni di comodo”.

Non è giusto, pertanto, che si limiti il diritto dello straniero a sposarsi nel nostro Paese, né quello del cittadino/a italiano che intende esercitare senza problemi tale diritto. La recente sentenza n. 245/ 2011, emanata su tale argomento, richiama una pronuncia della Corte europea per i diritti dell’uomo di Strasburgo, nella quale appunto si legge che gli Stati non possono introdurre limiti a diritti fondamentali.

Nella pratica, un divieto generale riguardo al matrimonio andrebbe a ledere l’art. 12 della suddetta Convenzione. La sentenza apre un varco su un argomento, quelli del matrimonio tra stranieri e cittadini italiani, che è stato sempre giudicato con qualche riserva.

La legge del 2009, poi, ha inasprito le cose, per evitare che diventassero sempre più frequenti i matrimoni di comodo. Ora invece la Consulta torna a considerare la questione spostandola sul piano della violazione di diritti fondamentali: sposarsi con la persona che si ama, aldilà della nazionalità, mi sembra più che giusto e auspicabile, in una società che diventa sempre più multietnica.

E voi, cosa ne pensate? Avete storie da raccontarci al riguardo?

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.