Distacco illegittimo, la Telecom risarcisce il danno arrecato

La decisione arriva dal Giudice di Pace di Latina, Filippo d’Urso. Nel caso di specie, la Telecom aveva interrotto l’utenza telefonica per volontà unilaterale, senza il consenso dell’intestatario del contratto. Il quale, ovviamente, ha chiesto ed ottenuto un discreto risarcimento del danno, pari a 1400 euro (900 euro per i danni e 500 per le spese legali). La vicenda risale all’anno 2007. L’abbonato di “Telecom”, residente a Latina, dopo essersi accorto del distacco della linea telefonica, prova a contattare direttamente la società telefonica, ma senza ottenere alcun risultato. Dopo di che avvia un tentativo di conciliazione presso il Corecom (Comitato

La decisione arriva dal Giudice di Pace di Latina, Filippo d’Urso. Nel caso di specie, la Telecom aveva interrotto l’utenza telefonica per volontà unilaterale, senza il consenso dell’intestatario del contratto. Il quale, ovviamente, ha chiesto ed ottenuto un discreto risarcimento del danno, pari a 1400 euro (900 euro per i danni e 500 per le spese legali).

La vicenda risale all’anno 2007. L’abbonato di “Telecom”, residente a Latina, dopo essersi accorto del distacco della linea telefonica, prova a contattare direttamente la società telefonica, ma senza ottenere alcun risultato.

Dopo di che avvia un tentativo di conciliazione presso il Corecom (Comitato regionale per le comunicazioni). La Telecom fa sapere di aver distaccato la linea telefonica in risposta ad una richiesta dell’abbonato, giunta attraverso una registrazione telefonica, che tra l’altro non è stata mai portata in giudizio.

Per di più la compagnia telefonica non ha mai risposto all’interrogatorio più volte richiesto dalla controparte. L’attore ha quindi subito un pregiudizio molto forte, in quanto la situazione di stress e disservizio si è protratta a lungo nel tempo. Il risarcimento è stato quindi stabilito dal giudice in via equitativa.

L’abbonato di Latina è stato difeso in giudizio dall’associazione dei consumatori “Codacons”, in particolare dall’avvocato Cristina Adducci, rappresentante di tale associazione. Il Codacons è sempre impegnato nella difesa dei diritti dei consumatori, attraverso le sedi dislocate in tutte le regioni italiane. Purtroppo le cause di questo tipo aumentano, e spesso i consumatori subiscono disservizi molto gravi.

Altri casi simili sono stati segnalati al Presidente del Codacons, Carlo Rienzi. Si tratta, per esempio, di contratti anomali stipulati per telefono o con clausole nascoste e vessatorie. Ma i consumatori possono ricevere l’assistenza di cui necessitano rivolgendosi alle associazioni quali il Codacons, che predispongono le opportune tutele in sede giudiziale, per ottenere un congruo indennizzo.

4 Commenti

  1. Cristiana Lenoci
  2. Nello Gandolfo
  3. Cristiana Lenoci
  4. laura

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.