Diritto bancario e finanziario - articoli in archivio

  • DEBITORE IN DIFFICOLTA’ E LEGGE SUL SOVRAINDEBITAMENTO. COME SALVARSI DAI DEBITI.

  • La legge n. 3/2012 fornisce la definizione di sovraindebitamento e ne disciplina la risoluzione. Quando ci si trova in una situazione, prolungata nel tempo, di squilibrio tra debiti assunti e il proprio patrimonio liquidabile per farvi fronte, tale da creare notevole difficoltà di adempiere alle proprie obbligazioni, ovvero quando si ha una incapacità definitiva di adempiere alle obbligazioni in modo regolare, si può richiedere di accedere alla procedura da sovraindebitamento. CHI PUÒ CHIEDERE L’APPLICAZIONE DELLA LEGGE? Possono attivare la procedura i soggetti non passibili di fallimento, cioè persone fisiche e giuridiche, cioè: consumatori: cioè un debitore persona fisica che ha assunto obbligazioni esclusivamente per scopi estranei all’attività

  • Siracusa: i piani finanziari 4YOU non sono meritevoli di tutela. MPS ancora condannata.

  • Ennesima vittoria contro i famigerati piani finanziari. Questa volta, però, il Tribunale di Siracusa – sez. Lentini, ha chiaramente evidenziato il seguente principio di diritto: “ai fini dell’art. 1322 c.c., comma 2, non integra un interesse meritevole di tutela da parte dell’ordinamento, per contrasto con i principi generali ricavabili dagli artt. 47, 3 e 3 Cost. sulla tutela del risparmio e l’incoraggiamento delle forme di previdenza anche privata, quello perseguito mediante un contratto atipico fondato sullo sfruttamento delle preoccupazioni previdenziali …”.

  • TASSI EURIBOR: AL VIA I RISARCIMENTI.

  • a cura dell’avv. Patrizia Signorelli   Si sta, finalmente riparlando, anzi “sussurrando” di questa vicenda, ovvero della forzatura della fissazione dei tassi Libor e soprattutto Euribor, intorno al 2005-2008. L’Euribor (Euro Inter Bank Offered Rate) misura gli interessi che le banche si pagano per i prestiti tra loro. Viene rilevato quotidianamente con un sondaggio telefonico tra alcune decine di banche di un panel.

  • La Banca non paga il modello F24 iva: la copia del modello timbrato dimostra l’avvenuto conferimento dell’incarico. Condannata.

  • Il modello F24 IVA timbrato ha valore probatorio del conferimento di incarico alla banca, a nulla valendo la mancata contabilizzazione del versamento. L’Istituto risponde per comportamento colposo o doloso del preposto.

  • Illegittima segnalazione alla Centrale Rischi: è dovuto il risarcimento dei danni

  • La più recente giurisprudenza in materia conferma che l’illegittima segnalazione al CRIF (Centrale Rischi Investimenti Finanziari) oppure alla Centrale Rischi presso la Banca d’Italia ovvero ad altri molteplici sistemi di informazione creditizia, va risarcita dalla banca/finanziaria che ha effettuato tale segnalazione.

  • Strumenti derivati OTC: sussiste un naturale conflitto di interesse

  • Nei derivati sussiste sempre il conflitto di interesse. Il trading di strumenti derivati cd. “over the counter” (letteralmente sopra al bancone, ovvero negoziati fuori dai mercati regolamentati), nella cui famiglia possiamo certamente ricomprendere i CFD (contract for difference), rappresenta, per l’operatore, un rischio di gran lunga maggiore e molto diverso da quello che solitamente viene evidenziato nei siti web dei forex broker e voluto dalla Consob.

  • Sospettato di insider trading: lecito il controllo delle Email

  • No alla privacy se c’è sospetto di violazioni delle prestazioni.

    Quanto, in ambito lavorativo, sussiste il diritto alla riservatezza della privacy?

  • Responsabilità delle società di rating: quale giurisdizione?

  • Rileva il luogo in cui è avvenuta la lesione. Nel caso si volesse agire per il risarcimento dei danni contro una società di rating che abbia attribuito ai titoli un rating superiore rispetto a quello reale, in maniera da indurre gli investitori ad acquistare tali titoli, ovvero per il tardivo declassamento del rating degli stessi, così da impedire una rapida operazione di disinvestimento per limitare le perdite, a quale giurisdizione rivolgersi?

  • Equitalia: nessuna ipoteca per debiti inferiori a 8000 euro.

  • La sentenza 12 aprile 2012, n. 5771 ha stabilito che nessuna ipoteca può essere posta da parte di Equitalia se il debito dovuto dl cittadino o dall’impresa è inferiore a 8000 euro.

  • In caso di condanna per usura, le clausole contrattuali sugli interessi sono nulle.

  • La condanna per usura, pertanto, comporta l’automatica nullità delle clausole sugli interessi ultralegali ed il diritto alla ripetizione dell’indebito a favore delle vittima.

    Interessante sentenza del 2 febbraio 2012 emessa dal tribunale di Varese in merito all’automatica nullità delle pattuizioni relative ai frutti civili, in caso di patteggiamento per il reato di usura.

  • Mancato utilizzo carta di credito o bancomat: quando la banca è responsabile.

  • La mancata disponibilità della carta di credito o del bancomat da parte del cliente configura la responsabilità della banca per inadempimento ai sensi dell’art. 1218 c.c., se la banca non prova la non imputabilità del fatto.

  • Spese di disinstallazione del POS: non dovute alla banca se non documentate

  • Qualora l’intermediario, per una prestazione accessoria quale la disinstallazione dell’impianto POS, si avvalga dell’opera di un terzo, le spese a questi corrisposte debbono essere documentate mediante fattura o RID o altro documento attendibile proveniente dal terzo, altrimenti non possono essere addebitate al cliente.

  • Ordine di acquisto dei titoli azionari: non è necessaria la forma scritta.

  • E’ il contratto-quadro che necessita della forma scritta ad substantiam, non i singoli ordini di acquisto.

  • Vittime di usura: mutui anche all’imprenditore fallito

  • Imprenditore vittima di usura ed estorsione: sì ai mutui senza interessi.

    Finalmente varata una legge che va a tutela delle vittime dei reati di usura.

  • Piano finanziario 4 YOU: Livorno condanna MPS.

  • Nuova condanna inflitta a MPS per i piani finanziari 4You.

    Il ns. studio ha riportato un’eccellente vittoria presso il Tribunale di Livorno.

  • Usura bancaria: nuove condanne

  • Finalmente i Giudici iniziano a emettere decisioni degne di nota in relazione all’applicazione di tassi usurai ai clienti.

  • “Cattivo pagatore” per errore: 5000 euro di risarcimento.

  • L’illegittima segnalazione alla Centrale Rischi produce danni all’immagine ed alla reputazione economica del soggetto danneggiato, che si vede ingiustamente indicato come insolvente, trattandosi della lesione di un valore inerente alla persona costituzionalmente garantito ex art. 2 Cost., senza la necessità che tale lesione configuri un reato. Deve essere risarcito.

  • Equitalia: 60 giorni per pagare o scatta l’ipoteca sugli immobili

  • Scatta l’accertamento esecutivo di Equitalia: dopo 60 giorni dalla notifica o il contribuente paga o contesta pagando un terzo della somma. In caso contrario Equitalia potrà procedere ad esecuzione forzata sui beni per recuperare il debito e si fa ancora più forte alle spalle dei contribuenti: sessanta giorni o scatta l’ipoteca sugli immobili.

  • Milleproroghe e prescrizione dell’anatocismo. La parola alla Corte Costituzionale

  • Nei giudizi incardinati per il rimborso degli interessi anatocistici che rischiano la declaratoria di prescrizione, a seguito delle norme salva-banche del decreto cosiddetto “Milleproroghe”, attendiamo la decisione della Corte Costituzionale in merito.

  • Anche le “linked life policies” sono prodotti di investimento

  • Le polizze c.d. ‘indicizzate’, siano esse index linked (ossia con una redditività legata all’andamento di un determinato indice di borsa o paniere di titoli azionari) o unit linked (che hanno una redditività legata all’andamento di un fondo di investimento) sono prodotti che, sebbene formalmente rientranti nella categoria delle assicurazioni sulla vita, presentano in realtà caratteristiche profondamente diverse da quelli delle tradizionali polizze vita, potendo non solo mancare qualsiasi forma di garanzia in ordine alla restituzione del capitale, ma difettando strutturalmente la garanzia della redditività del capitale investito.