Se si paga il mutuo, viene ridotto il mantenimento

I coniugi separati che sono tenuti a versare l’assegno di mantenimento all’ex possono farlo in misura ridotta se contemporaneamente stanno pagando anche un mutuo. Lo ha stabilito la Corte di Cassazione, nella recente sentenza n. 15333/2010. Spesso la separazione diventa un peso economico insostenibile per il coniuge tenuto a versare mensilmente la quota di mantenimento all’ex, soprattutto quando si ha il reddito “impegnato” con un mutuo. Lo ha sostenuto la prima sezione civile della Suprema Corte, stabilendo nella pronuncia che il coniuge tenuto al pagamento della rata del mutuo della casa coniugale abitata dall’ex moglie può avere diritto ad una

I coniugi separati che sono tenuti a versare l’assegno di mantenimento all’ex possono farlo in misura ridotta se contemporaneamente stanno pagando anche un mutuo. Lo ha stabilito la Corte di Cassazione, nella recente sentenza n. 15333/2010.

Spesso la separazione diventa un peso economico insostenibile per il coniuge tenuto a versare mensilmente la quota di mantenimento all’ex, soprattutto quando si ha il reddito “impegnato” con un mutuo. Lo ha sostenuto la prima sezione civile della Suprema Corte, stabilendo nella pronuncia che il coniuge tenuto al pagamento della rata del mutuo della casa coniugale abitata dall’ex moglie può avere diritto ad una “legittima decurtazione dell’assegno di mantenimento”. Questo per non compromettere ulteriormente la posizione economica del soggetto, sul quale incombe sia il peso di un mutuo che l’assegno di mantenimento al coniuge, entrambi da corrispondere mensilmente.

Il caso preso in esame dai giudici della Corte riguarda una casa coniugale acquistata dai due coniugi in comunione di beni, e successivamente assegnata alla moglie, nonostante non vi fossero figli. In genere il giudice decide di assegnare la casa coniugale al coniuge (quasi sempre la donna) che rimane ad abitarvi con la prole. Questo caso invece è un po’ diverso, sui generis. Ma il principio cui si ispira la Corte è più che giusto: buone notizie quindi, per chi ha a cuore il problema della separazione tra coniugi.

Se si dimostra di avere un mutuo in corso, si può legittimamente chiedere che l’assegno di mantenimento venga ridotto, affinchè la situazione economica di chi deve affrontare queste spese mensili non venga gravemente compromessa. Questo è un altro provvedimento che si aggiunge a quelli già esistenti in materia di separazione tra i coniugi, e che costituisce un validissimo precedente giurisprudenziale cui fare riferimento in futuro.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.