Cooperative sociali: percentuale dei soci “svantaggiati”

L’accertamento della percentuale di persone socialmente svantaggiate come soci delle cooperative sociali (punto B).

Intervenendo a disciplinare l’intero settore, la legge 381 dell’8 novembre 1991 “Disciplina delle cooperative sociali” ha istituito la categoria delle cooperative sociali, individuando nella “società cooperativa” lo strumento idoneo per il perseguimento di finalità sociali e di promozione umana, da realizzare o attraverso la gestione di servizi socio-sanitari ed educativi (tipo A), oppure attraverso attività produttive (tipo B) con le quali permettere l’integrazione lavorativa di persone socialmente svantaggiate.

Le tipologie di tali lavoratori sono elencate nell’art. 4 della suddetta legge.

È, però, necessario che le persone svantaggiate inserite in cooperativa costituiscano almeno il 30 per cento dei lavoratori della cooperativa e, compatibilmente con il loro stato soggettivo, assumano la qualifica di soci.

È indispensabile, altresì, che le stesse abbiano una predisposizione sufficiente al lavoro, che la presenza di lavoratori ordinari sia tale da assicurare lo svolgimento dell’attività e che l’organismo sia gestito tenendo presente un progetto complessivo di formazione e programmi personalizzati.

Per le cooperative sociali di tipo B, dunque, considerato il loro duplice scopo di abilitare al lavoro soggetti svantaggiati e produrre beni e servizi, sono previste alcune agevolazioni: AGEVOLAZIONI COOP PUNTO B

Sono così esentati dal versamento dei contributi per l’assicurazione obbligatoria previdenziale ed assicurativa, relativamente alla propria quota, sia le cooperative sociali che i soci “persone svantaggiate”. Detta agevolazione, come detto, è estesa soltanto alle cooperative di categoria “B”. Tenuto conto delle particolari condizioni di agevolazione, anche contributiva, di cui tali cooperative godono, è stata organizzata nei loro confronti una più estesa attività di vigilanza. Viene, infatti, a tale scopo istituito dalle Regioni un Albo Regionale delle cooperative sociali e l’ispezione ordinaria prevista dall’art. 2 del D.Lgs. C.P.S. 1577/47 avrà una frequenza annuale.

L’INPS ha provveduto in tal senso, per quanto di sua competenza, a precisare che tra gli individui svantaggiati di cui all’art. 4 della legge in esame, devono essere compresi gli invalidi fisici e psichici con grado di invalidità superiore al 45%. Tale limite è lo stesso che il decreto del Ministro del Lavoro 5 febbraio 1992 ha stabilito come limite minimo di invalidità per l’avviamento al lavoro come “invalido”.

Ma cosa accade se, nel corso del ciclo produttivo della cooperativa viene a mancare la percentuale dei soci svantaggiati? Se, dunque, viene meno la soglia del 30% di lavoratori invalidi, entro quanto tempo è necessario ripristinare il limite legale per poter fruire della normativa speciale di sostegno fiscale e contributivo (come la totale esenzione contributiva e la possibilità di stipulare Convenzioni con Enti pubblici per attività diverse da quelle socio-sanitarie ed educative, rispettivamente ex artt. 4, comma 3 e art. 5, L. n. 381/1991)?

La questione è stata risolta recentemente dal Ministero del Lavoro, Direzione generale per l’attività ispettiva, con l’emanazione dell’interpello n. 4 del 03 marzo 2008, su richiesta avanzata dal Consiglio Nazionale dei Consulenti del Lavoro di Roma, in merito alle modalità temporali di determinazione della percentuale di soggetti svantaggiati (30%) prevista per legge.

Orbene, tra i tratti più salienti dell’interpello allegato, va rilevato che, innanzitutto “…Nessuna disposizione normativa né amministrativa chiarisce lo specifico aspetto relativo alla sussistenza necessariamente permanente del predetto requisito percentuale; detta questione si pone particolarmente evidente nelle ipotesi in cui, a fronte di determinate esigenze produttive, la percentuale richiamata non risulti soddisfatta nell’ambito di un determinato periodo, fermo restando il rispetto della percentuale come media in un arco temporale più ampio.”

Pertanto, il Ministero ha provveduto ad individuare una soluzione coerente al quadro ordinamentale in materia, applicando i principi generali secondo cui, a mente dell’art. 22 del D.Lgs C.p.S 14 dicembre 1947, n. 1577, (che prevede che il venir meno del numero minimo legale di soci non comporta l’immediata messa in liquidazione della società, in quanto consente la reintegrazione del numero minimo legale entro il termine di un anno) non si può che ragionevolmente ritenere assolutamente fisiologico e segno di vitalità dell’impresa sul mercato che sussista una certa oscillazione nella dimensione quantitativa dell’organico della cooperativa.

Pertanto, il rispetto del limite percentuale del 30%, ove inteso in senso rigido, comporterebbe l’irragionevole conseguenza della mancata possibilità di conservazione del rapporto di lavoro dei lavoratori interessati o l’obbligo di assumere altro personale svantaggiato, ancorché non necessario, al fine di ristabilire il predetto rapporto percentuale.

A prescindere dal fatto che alcune Regioni hanno disciplinato tale aspetto, prevedendo con proprie leggi regionali un periodo entro il quale è possibile mantenere una percentuale inferiore al 30% (per l’Emilia Romagna e il Lazio è stabilito in 6 mesi, per l’Umbria e l’Abruzzo un anno), il Ministero pone l’accento sull’ordinamento statale che, relativamente ai profili dimensionali delle aziende, assume come parametro generale la media annuale dei lavoratori in forza, così come si evince anche nell’ambito della disciplina sul TFR, interpretata e chiarita dall’INPS, con circolare n. 70/2007.

In definitiva, il Ministero conclude che “… appare decisamente ragionevole il riferimento ad un “arco temporale” … (comunque necessario, n.d.r.), … per la valutazione del rispetto del limite minimo del 30% di persone svantaggiate, qualora a fronte di determinati eventi a carattere produttivo non sia rispettato il mantenimento costante della percentuale richiamata, arco temporale che, in assenza di una diversa previsione della legislazione regionale, non sembra comunque possa eccedere i dodici mesi.”

INTERPELLO MINISTERO.4/2008 pdf

97 Commenti

  1. maurizio
  2. Avv. Mary Corsi
  3. Avv. Mary Corsi
  4. Daniela
  5. Elio
  6. Avv. Mary Corsi
  7. Isabel
  8. elisa
  9. Avv. Mary Corsi
  10. cenzino
  11. Avv. Mary Corsi
  12. Dario
  13. Avv. Mary Corsi
  14. muntoni bruno
  15. Avv. Mary Corsi
  16. Ilaria
  17. Avv. Mary Corsi
  18. susy
  19. antonio
  20. Avv. Mary Corsi
  21. ugo
  22. Avv. Mary Corsi
  23. Antonietta
  24. Avv. Mary Corsi
  25. Giuseppe
  26. antonella
  27. Avv. Mary Corsi
  28. serena
  29. serena
  30. Avv. Mary Corsi
  31. Marco
  32. Avv. Mary Corsi
  33. Avv. Mary Corsi
  34. serena
  35. grazia
  36. Avv. Mary Corsi
  37. giuseppe
  38. Avv. Mary Corsi
  39. GIUSEPPE
  40. Avv. Mary Corsi
  41. antonella
  42. Avv. Mary Corsi
  43. antonella
  44. antonella
  45. Avv. Mary Corsi
  46. antonella
  47. Avv. Mary Corsi
  48. Avv. Mary Corsi
  49. ester
  50. GIORGIO
  51. emanuela
  52. Avv. Mary Corsi
  53. emanuela
  54. Avv. Mary Corsi
  55. emanuela
  56. Avv. Mary Corsi
  57. ferrante
  58. simona
  59. Avv. Mary Corsi
  60. simona
  61. Avv. Mary Corsi
  62. paola
  63. paola
  64. Avv. Mary Corsi
  65. Pierangela Galli
  66. Avv. Mary Corsi
  67. carlo
  68. Avv. Mary Corsi
  69. carlo
  70. Avv. Mary Corsi
  71. silvia
  72. agata
  73. Avv. Mary Corsi
  74. agata
  75. Anna
  76. Avv. Mary Corsi
  77. Avv. Mary Corsi
  78. agata
  79. Anna
  80. Avv. Mary Corsi
  81. Anna
  82. caterina Mangiaruga
  83. Avv. Mary Corsi
  84. caterina Mangiaruga
  85. Avv. Mary Corsi
  86. monica
  87. Mary Corsi
  88. rossella
  89. errico
  90. Maurizio Di FRANCO
  91. PAOLA
  92. Stefano Gennarelli
  93. Mary Corsi
  94. Mary Corsi
  95. DEBORAH
  96. luna delusa

Lascia un commento