Multe per autovelox: nel centro abitato sono valide, anche senza foto e contestazione

Ancora una pronuncia della Suprema Corte in materia di autovelox: la sentenza in oggetto è la n. 12343/2009. Il caso riguarda un automobilista che circolava nel comune di Vicopisano, ed è stato multato per eccesso di velocità tramite apparecchio dell’autovelox. Nel centro abitato le multe effettuate con l’apparecchio dell’autovelox sono sempre valide, anche quando non c’è la documentazione fotografica e la contestazione immediata. Le multe vanno perciò pagate regolarmente, a meno che- si legge nel dispositivo della Corte- non si provi che l’apparecchio ha un difetto di costruzione o di omologazione, oppure che il dispositivo in questione non è stato

Ancora una pronuncia della Suprema Corte in materia di autovelox: la sentenza in oggetto è la n. 12343/2009. Il caso riguarda un automobilista che circolava nel comune di Vicopisano, ed è stato multato per eccesso di velocità tramite apparecchio dell’autovelox.

Nel centro abitato le multe effettuate con l’apparecchio dell’autovelox sono sempre valide, anche quando non c’è la documentazione fotografica e la contestazione immediata. Le multe vanno perciò pagate regolarmente, a meno che- si legge nel dispositivo della Corte- non si provi che l’apparecchio ha un difetto di costruzione o di omologazione, oppure che il dispositivo in questione non è stato installato bene o non funziona come dovrebbe.

Di tutto ciò, ovviamente, va fornita un’idonea prova. Nel caso di specie, l’automobilista di Vicopisano, multato per eccesso di velocità, non aveva avuto né contestazione né fotografia del mezzo. Il giudice di pace, sulla base di questi due motivi, aveva proceduto all’annullamento della multa, che ammontava a circa 147 euro.

La Cassazione, invece, ha accolto il ricorso del comune di Vicopisano, poiché, a suo avviso, la rilevazione della velocità da parte del dispositivo autovelox è legittima anche quando non viene rilasciato un documento fotografico. La riferibilità al veicolo viene affidata agli organi di polizia stradale, la cui attestazione ha efficacia probatoria, fino a querela di falso.

La multa può non essere pagata solo se si dimostra il suo malfunzionamento o un difetto di omologazione. Si allunga l’elenco di sentenze della Corte di Cassazione sull’autovelox. Si discute parecchio ultimamente sulla legittimità di questo apparecchio per la rilevazione della velocità, e il caos giuridico su questo argomento non migliora certo le cose.

E’ il caso di conoscere i casi in cui è possibile il ricorso, per distinguerlo dagli altri in cui il ricorso è pressoché inutile. La casistica è molto varia, ne parleremo ancora in qualche altro post. Seguiteci!

Una risposta

  1. duralex

Lascia un commento