Quando ci si separa per colpa dei suoceri: ecco una sentenza della Cassazione

Spesso i rapporti coniugali vengono messi in crisi dalle continue intromissioni da parte dei suoceri. Una recente sentenza della Corte di Cassazione stabilisce che, in tali casi, può essere giustificato l’abbandono del tetto coniugale. La Corte interviene ancora una volta sul delicato tema della separazione tra i coniugi. Questa volta la sentenza n. 11922/2009 affronta la casistica dei rapporti coniugali che si rompono a causa delle difficoltà create dai suoceri. In tali casi (purtroppo molto frequenti) per la pronuncia di addebito della separazione può non bastare la violazione dei doveri coniugali che il codice civile stabilisce all’art. 143, ma occorre

Spesso i rapporti coniugali vengono messi in crisi dalle continue intromissioni da parte dei suoceri. Una recente sentenza della Corte di Cassazione stabilisce che, in tali casi, può essere giustificato l’abbandono del tetto coniugale.

La Corte interviene ancora una volta sul delicato tema della separazione tra i coniugi. Questa volta la sentenza n. 11922/2009 affronta la casistica dei rapporti coniugali che si rompono a causa delle difficoltà create dai suoceri. In tali casi (purtroppo molto frequenti) per la pronuncia di addebito della separazione può non bastare la violazione dei doveri coniugali che il codice civile stabilisce all’art. 143, ma occorre accertare l’effettivo nesso tra tale violazione e “l’intollerabilità della prosecuzione della convivenza”.

Il giudice, quindi, può anche escludere l’addebito della separazione al coniuge che abbia violato uno dei doveri coniugali, e quindi giustificargli l’eventuale abbandono del tetto coniugale. Sulla base di cosa? Naturalmente deve essere chiaramente dimostrata una situazione preesistente di contrasto insanabile tra le parti, oppure una convivenza puramente formale.

E’ ovvio che questa situazione già difficile deve essere stata esasperata dall’intervento dei suoceri che interferiscono nelle scelte e nelle decisioni dei coniugi. Capita spesso, soprattutto nelle coppie più giovani, che ci si sposi restando ancorati alla propria famiglia d’origine, anche economicamente.

Questo crea, a lungo andare, una mancanza di autonomia decisionale che mina l’armonia della coppia, e ancor più se si hanno dei figli.

Sembra che la giurisprudenza, negli ultimi tempi, si stia aprendo a decisioni sempre più moderne, anche nel campo della separazione tra i coniugi, dove gli equilibri sono molto più labili ed è necessario intervenire con delicatezza e sensibilità. Quello dei rapporti della coppia con i rispettivi suoceri è un problema che porta molte coppie sull’orlo di una crisi di nervi. Non è forse meglio considerare questo problema, prima di metter su famiglia?

51 Commenti

  1. Avv. Mary Corsi
  2. maria
  3. Avv. Mary Corsi
  4. sebastiano
  5. Sofia
  6. Franco
  7. lucrezia
  8. Pina Fusco
  9. Avv. Mary Corsi
  10. sabrina
  11. Avv. Mary Corsi
  12. Avv. Mary Corsi
  13. Martina
  14. melania
  15. maria
  16. Avv. Mary Corsi
  17. marta
  18. Avv. Mary Corsi
  19. Luca
  20. Avv. Mary Corsi
  21. luca
  22. Alessia
  23. Avv. Mary Corsi
  24. Laura
  25. Avv. Mary Corsi
  26. Gianna
  27. Avv. Mary Corsi
  28. Gianna
  29. Gianna
  30. Gianna
  31. Avv. Mary Corsi
  32. Gianna
  33. Avv. Mary Corsi
  34. Alina
  35. sara
  36. ANTONELLA
  37. Felice Cri
  38. D.ssa Cristiana Lenoci
  39. Elisa
  40. cozzani massimo
  41. D.ssa Cristiana Lenoci
  42. Mia
  43. D.ssa Cristiana Lenoci
  44. un povero papa'
  45. D.ssa Cristiana Lenoci
  46. Simona
  47. D.ssa Cristiana Lenoci
  48. Francesco
  49. D.ssa Cristiana Lenoci
  50. Aida
  51. Fabiola

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *