Come rinnovare la patente di guida

Il permesso di guida è soggetto a scadenza, quindi è bene stare attenti alla validità per evitare di farsi sorprendere con il documento scaduto. Tale dimenticanza può costare parecchio. Per la precisione, l’art. 126 comma 7 del Codice della Strada stabilisce una multa compresa tra 155 e 624 euro, il fermo amministrativo del veicolo per due mesi e il ritiro del documento scaduto.

Il problema è che non sempre si riesce a trovare il tempo di adempiere le procedure burocratiche previste per il rinnovo.

La validità della patente è stabilita in base al tipo di documento e all’età del conducente. In genere, ha una validità di cinque anni (ad esclusione delle patenti di categoria “A” e “B” che valgono dieci anni fino al compimento di cinquanta anni). Dopo i 70 anni, queste categorie hanno validità di tre anni.

A partire poi dal raggiungimento degli 80 anni, la patente va rinnovata ogni due anni, previa visita davanti ad una commissione medica competente. All’interno del documento si trova la dicitura “valida fino al…”, per cui è facile tenere la scadenza sotto controllo. Prima di tutto, per il rinnovo della patente è indispensabile sottoporsi ad una visita medica, da effettuarsi presso una delle strutture indicate dal Codice della Strada.

A seconda della struttura cui ci si rivolge il costo della visita può variare, ma all’incirca si spendono trenta euro. Per velocizzare i tempi ci si può rivolgere ad una scuola giuda o un’agenzia di pratiche automobilistiche, però qui bisogna mettere in conto anche il compenso dovuto al disbrigo della pratica stessa.

E’ necessario presentarsi alla visita medica muniti di patente di guida e codice fiscale. Poi serve una marca da bollo del valore di 14,62 euro e la ricevuta del versamento dell’importo di 9 euro effettuato sul conto corrente n° 9001 intestato al Dipartimento Trasporti terrestri- Diritti-Roma.

Se la visita medica ha avuto un riscontro positivo, la patente viene considerata rinnovata e si rilascia al titolare il certificato medico che abilita a guidare. Dopo qualche giorno arriverà a casa dell’interessato un tagliando adesivo, da apporre sul documento, che ne attesta la validità. La legge 120/2010 ha introdotto però una novità: non sarà più inviato a casa un adesivo da applicare sulla patente, ma un duplicato con indicazione del tempo di validità.

La vecchia patente potrà quindi essere distrutta. Tale legge non è ancora diventata operativa, e non si sa ancora quando potrà esserlo. Per conoscere la normativa ed i casi particolari che attengono il rinnovo della patente può essere utile consultare il sito www.ilportaledellautomobilista.it, dove troverete le novità del Codice della Strada e gli indirizzi delle sede della Motorizzazione Civile.

Per sapere a che punto è la pratica di rinnovo, telefonate all’ufficio centrale operativo, il cui numero è: 800.232323.

10 Commenti

  1. Tizi
  2. Avv. Mary Corsi
  3. Silvia
  4. Loretta
  5. Avv. Mary Corsi
  6. erminio
  7. Avv. Mary Corsi
  8. Claudio
  9. D.ssa Cristiana Lenoci
  10. fiorella

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *